La crittografia: Cifratura simmetrica

Luca Cicchinelli/ dicembre 28, 2016/ Security/ 0 comments

La crittografia consiste nell’utilizzare uno dei tanti metodi di cifratura per offuscare un messaggio.

Cifratura simmetrica

La cifratura simmetrica utilizza la stessa chiave sia per cifrare che decifrare il messaggio, difatti è più veloce della cifratura asimmetrica, ma la distribuzione delle chiavi può essere difficoltosa. Le tecniche di cifratura simmetrica generalmente sono due:

  1. Sostituzione, dove ogni lettera viene sostituita con un’altra (cifrario di Cesare, cifrario di Vigenere)
  2. Trasposizione, dove secondo uno schema ben preciso le lettere cambiano di posizione (cifrario a staccionata, cifrario a percorso)

Cifrario di Cesare

Il primo è il cifrario di Cesare, molto conosciuto, dove si spostano di un certo numero di posizioni dell’alfabeto le lettere che formulano la frase. (Cesare utilizzava spostarle di tre posizioni in avanti)

Il nostro messaggio da cifrare sarà “hello”. Andremo ad applicare il cifrario di cesare facendo avanzare di una sola posizione ogni lettera:

H E L L O
I F M M P

Come potete vedere il nostro “hello” è diventato un “Ifmmp”.

Cifrario di Vigenere

Il secondo cifrario che andremo oggi ad analizzare è il cifrario di Vigenere, che a differenza di quello di Cesare è polialfabetico, cioè basato su una chiave.

Utilizzeremo sempre la parola “hello”, la chiave utilizzata sarà “bad”.

Innanzitutto dobbiamo fornirci della tavola di Vigenere:

Poi disponiamo le lettere della chiave in modo che siano tante quante il numero del messaggio da cifrare (se la chiave è più corta basterà ripeterla più volte):

H E L L O
B A D B A

Seguendo la tavola andremo a trovare la lettera di incrocio della linea orizzontale dell’ H e di quella orizzontale della B, che in questo caso sarà una I. Continuiamo la cifratura ed otterremo questo:

I E O M O

Cifratura a trasposizione

Ora passiamo al secondo tipo di cifrature, quelle a trasposizione.

Il primo cifrario che andremo a scoprire sarà quello a staccionata, che consiste nel disporre su tre, o più righe le lettere a mo’ di staccionata. Con l’esempio pratico vi sarà tutto più chiaro.

Prendiamo questa frase: “bad vi augura una buona lettura”. Posizioniamola come descritto in precedenza:

b v u r n u a t r
a i g a a o l t a
d a u u b n e u

Ora trascrivetevi ogni riga del testo cifrato e verrà fuori: “bvurnuatr aigaaolta dauubneu”.

Cifratura a percorso

L’ultimo argomento di oggi è il cifrario a percorso: si decidono dapprima le dimensioni di una griglia (noi ne utilizzeremo una da 5 lettere x 4 lettere).

La frase che cifreremo è “la parte di oggi è finita”.

La chiave di questo tipo di cifrario è proprio il percorso in cui si dispongolo le lettere.

Io ho deciso di partire nel punto in alto a destra della griglia e di scrivere le lettere da destra verso sinistra:

R A P A L
O I D E T
F E I G G
A T I N I

Possiamo anche, per esempio, decidere di disporle dal basso verso l’alto partendo dal punto in basso a destra:

A I G D A
T F G E P
I E O T A
N I I R L

Ricordate che questo tipo di cifrario non è molto sicuro, neanche attuando un tipo di chiave più complicata del solito!

Conclusione

Per qualsiasi dubbio potete contattarci utilizzando i commenti o le nostre pagine social.

Facci sapere cosa ne pensi con un commento!