Graphic Design: 5 Stili di successo utilizzati dai maggiori Brand

Meett31/ marzo 23, 2017/ +/ 0 comments

Nella società odierna che giudica un libro quasi sempre dalla copertina, i grandi brand sono riusciti a farsi strada e ad accrescere l’importanza del proprio marchio, grazie alla prima impressione che danno di loro stessi.

Per arrivare a tale obiettivo molti utilizzano stili già esistenti e altri ne creano di nuovi. Oggi andremo a vedere i 5 stili di design grafico più utilizzati di sempre, che hanno portato al successo aziende del calibro di Google, Apple e Microsoft.


#1. Material design

Material Design

Android Material Design

Il Material Design, che sicuramente avrai visto su un qualsiasi dispositivo non fosse un iPhone, è la grafica sviluppata da Google nel 2014 e che ha debuttato con Android L.

A detta del designer che lo ha ideato, il material design va pensato come un foglio di carta che si deforma in maniera intelligente. Ha una superficie che, grazie ad un corretto utilizzo delle ombre, fa capire all’utente con cosa può e non può interagire.
Google stesso afferma che il suo ex-novo design si basa sulla carta e sull’inchiostro.

Le regole principali di progettazione si concentrano su un uso maggiore di layout a griglia, animazioni e transizioni.


#2. IOS Human Interface

IOS Human Interface

IOS Human Interface

La IOS Human Interface racchiude tutto lo stile grafico progettato da Apple per i suoi dispositivi, che siano iPhone, iPad, iMac o Watch.

Tre sono i concetti che differenziano questo design dai rivali:

  • Chiarezza: In tutto il sistema il testo è leggibile a qualsiasi dimensione e le icone sono precise e lucide. Il colore, i caratteri e gli elementi nell’interfaccia sottolineano un contenuto importante e la possibilità di interazione con esso.
  • Fluidità: Movimenti fluidi, interfacce semplici e pulite consentono all’utente di interagire con maggiore facilità. Il contenuto di solito riempie l’intero schermo, mentre la traslucenza e la sfocatura spesso rendono tutto più user-friendly.
  • Profondità: Livelli ben distinti e movimenti realistici esprimono una gerarchia e facilitano la comprensione. Le transizioni regalano un senso di profondità come se si stesse navigando attraverso il contenuto.

#3. Flat Design

Flat Design

Flat Design

Il Flat Design è una rappresentazione della realtà o di simboli attraverso figure geometriche schiacciate. Si utilizzano inoltre spazi netti e definiti, con colori brillanti che definiscono le forme. Grafica pulita e minimale: poche ombre, nessuna prospettiva e quasi nessun dettaglio.

L’obiettivo del Flat Design è l’essenziale, anche il font deve quindi attenersi a questa filosofia. Proprio per questo deve essere Sans Serif e preferibilmente in grassetto.

Nonostante questo stile sia stato introdotto da Microsoft, molti altri brand si sono dattati. Si può notare infatti come questo assomigli al Material Design o al IOS Human Interface.


#4. Metro Style

Metro Style

Metro Style

A detta dei designer che l’hanno ideato: «Sono stati di ispirazione i mezzi pubblici».
Questo è lo stile introdotto da Microsoft in Windows 8 e portato avanti con Windows 8.1 e Windows 10.

Il Metro Style può vantarsi di essere stato il primo ad interagire con il flat design.

L’obiettivo principale è quello di rimuovere ogni decorazione di troppo in modo da far interagire l’utente direttamente con il contenuto. Secondo Microsoft, infatti, anche un semplice sfondo potrebbe distrarre l’utente.

La caratteristica principale del Metro Stile è la dinamicità dei movimenti. Questi devono, paradossalmente a quanto detto prima, distrarre ed intrattenere l’utente.


#5. Scheumorfismo

 

Scheumorfismo

Scheumorfismo guidelines

Nonostante sembri il nome di un qualche filosofo tedesco, lo Scheumorfismo si basa sull’uso di immagini e animazioni ben conosciute allo scopo di richiamare la caratteristiche di un altro elemento. Proprio per questa caratteristica fu adottato da vari Web Designer e Game Designer per lo sviluppo dei propri applicativi, in quanto facilitava la comprensione delle dinamiche di utilizzo.

Venne introdotto nel 2008 con l’uscita del primo iPhone e continuò ad essere simbolo di vanto per Apple fino al 2013 quando venne sostituito dal IOS Human Interface.

Conclusioni

Nonostante ti abbia parlato solo di questi 5 stili grafici, ne esistono una quantità inimmaginabile. Molti sono semplici da implementare e alcuni si possono combinare in modo da creare degli stili più unici che rari.

Spero di averti dato uno spunto grafico per la tua applicazioni o per il tuo sito web.

Continua a seguirci sulle pagine social se vuoi scoprire altro sul mondo dell’informatica.

About Meett31

Appassionato di computer fin dall'infanzia. Ama il sistema operativo Android, sviluppare siti web e creare applicazioni. Passa il tempo libero a smontare qualsiasi cosa abbia una vite e a trovare la giusta combinazione di colori per i suoi progetti.

Facci sapere cosa ne pensi con un commento!